Home / Altre Serie / Chicago PD 6×09 – Recensione: Un magistrale Jon Seda
Chicago PD

Chicago PD 6×09 – Recensione: Un magistrale Jon Seda

Un Jon Seda per il quale non riesco a trovare le parole adatte, è il protagonista del finale di metà stagione di Chicago PD 6. La storia di Antonio è al centro della scena mentre Hank Voight torna nella gabbia. 

Dopo il finale di stagione di Chicago Med e Chicago Fire, questo episodio non poteva essere differente. Il migliore dei tre forse per l’intensità delle emozioni e un Jon Seda incredibile nel mostrare il dolore di un padre, di un Antonio che non è più lui. L’ultimo episodio di Chicago PD 6 di questo 2018 ci regala anche un ritorno al passato. Alle prime stagioni. Ad Hank Voight nella gabbia. Al buon, vecchio sergente. Questa volta insieme a lui non c’è Alvin.

Ho pensato anche a lui in questo episodio di Chicago PD. Alla sua bambina, al dolore di Alvin al Med, a tutte le volte che lui ed Hank sono stati in quella gabbia. Manca il detective Alvin Olinsky. Manca un pezzo dell’Intelligence, di Hank Voight e di Chicago PD.

Risultati immagini per alvin olinsky gif
Chicago PD

Ma prima di parlare di Antonio, dello sguardo di quel padre quando trova la sua bambina, dobbiamo soffermarci un momento su Adam Ruzek e Hailey Upton. Si, Rick Eid e Dick Wolf hanno deciso di trasformare una notte da dimenticare, in una storia d’amore. I Burzek sono ormai lontani, e il mio amore per Hailey sta iniziando a trasformarsi in rabbia verso coloro che insistono a creare questi triangoli amorosi inutili e senza senso.

Hailey Upton mi ha conquistata in un solo episodio di Chicago PD. Adam Ruzek è semplicemente Adam Ruzek. Non si può non amare. E’ una regola. Come quelle del sergente Hank Voight. Ma le cose non sempre vanno come vorremmo, e sembra che dovrò continuare a (non) vedere queste scene ancora per un po’ di tempo.

Risultati immagini per alvin olinsky gif

E proprio in merito alle regole di Hank Voight… Qual è la prima? Sono passati sei anni, ormai dovremmo conoscerla. E invece no. “Dovete dirmi sempre la verità, in modo che io possa mentire per voi“. Ma Antonio Dawson non è più Antonio Dawson. Il detective che abbiamo amato e odiato, ma che è sempre rimasto in quell’unità, accanto ad Hank Voight, non è più lui.

Il dolore alla spalla non svanisce, come la dipendenza del detective Dawson dall’ossicodone. Negli ultimi episodi di Chicago PD, quello di Antonio è stato un percorso auto-distruttivo. Non ha cercato aiuto Antonio, nemmeno quando Kim gli ha quasi sparato. Neanche in quel momento è cambiato qualcosa. Perché? Ce lo ha mostrato Jon Seda con uno sguardo e degli occhi che difficilmente dimenticherò.

Chicago PD

Il detective Dawson non è presente in questo momento. Non lo è da un po’. E’ come svanito, inghiottito da un uomo dipendente dall’ossicodone. E’ Hank Voight il primo a decidere che le bugie di Antonio devono finire. A capire che la sua famiglia ha bisogno di lui. “Adesso mi prenderò cura di te.” Queste le parole di Voight quando trova Antonio con della droga addosso e il mondo in pezzi.

Jason Beghe continua a dar vita ad un Hank Voight che non tradisce mai sé stesso. Quello che è e che è sempre stato. La famiglia prima di ogni cosa. A qualunque costo. C’è solo un Hank Voight. Nel bene, e nel male.

Chicago PD
Chicago PD

Antonio è un padre disperato che rivuole solo sua figlia. E poco importa cosa avrebbe fatto se tutto questo fosse accaduto a qualcun altro. Poco importa cosa ha detto o cosa ha fatto Antonio in passato. Poco importa se “era già accaduto con il figlio di Antonio“. Le emozioni di questo episodio valgono ogni secondo. Ed è Jay Halstead a leggerci nella mente, e rendere chiaro il pensiero di tutta l’Intelligence: “andiamo a prendere Eva“.

Andate a pagina due per la seconda parte della recensione di Chicago PD 6

About Gabriella Monaco

Check Also

Le Regole del Delitto Perfetto 5x09

Le Regole del Delitto Perfetto 5×09: Recensione dell’episodio “He Betrayed Us Both”

Dopo una lunga pausa invernale, Le Regole del Delitto Perfetto 5 ritorna con un nono episodio incentrato sul passato di Annalise, ma non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *