Il fatto di poter vedere una seconda stagione di Timeless è di per sé un piccolo miracolo. Le danze sul filo del tempo si riaprono fra sopravvissuti e beghe familiari.

Time team diviso

Wyatt e Rufus separati da Lucy. Poi l’esplosione e la convinzione che il sipario sui nostri eroi fosse calato sia nella finzione scenica che nella realtà con la cancellazione da parte di NBC. Un parallelismo efficace e razionale che condannava una serie che invece stava acquisendo sempre più consensi anche per la parte di ricostruzione storica accurata.

Rufus dopo che ha letto l’orario scelto da NBC per Timeless 2.

Ma i fatti ormai passati alla storia televisiva, ci restituiscono una speranza e una possibilità. Timeless si salva così come nella serie TV si salvano Wyatt, Rufus, Mason, l’agente Christopher e Jiya. I segni di quella che poteva essere la fine si vedono tutti nella schiena di Wyatt Logan strappato letteralmente dalle grinfie della morte, le cui unghie si vedono chiaramente.

Lucy probabilmente è la più scossa di tutte. Lei non è una donna d’azione e volte fatichiamo a ricordarlo. Lei insegnava storia americana con una vita ripetitiva, monotona, piatta. Il dramma di una madre malata e l’affetto di una sorella erano il suo pane quotidiano oltre a ore e ore china sui libri di storia.

Un soldo per i pensieri di Lucy.

Lei non ha fatto altro che provare a fare quello che qualunque appassionato di storia avrebbe fatto se avesse potuto tornare indietro nel tempo: preservarlo. Ma la professoressa Preston si è presto resa conto di quanto fosse complicato farlo se davanti non hai un quadro, un nome sulle righe di una pagina di un libro, ma una persona vera, reale, che ti parla che prova anche simpatia per te e che sai che da lì a poco morirà perché la storia va preservata.

Ora però non si tratta di salvare solo la storia. Lucy è cambiata. Non sappiamo se in bene o in meglio ma c’è una luce diversa negli occhi della giovane donna. La certezza di aver perso tutto le lascia un’unica soluzione: accettare Rittenhouse e accettare che sua madre faccia di lei la degna erede di una famiglia dedita al controllo del potere.

Uccidere per ottenere fiducia

Una delle scene più forti di Timeless 2×01, è stata sicuramente la morte del soldato per mano di Lucy. Devo dire che giunti a quello snodo della trama era inevitabile che ci si sarebbe trovati davanti al bivio fra una finzione scenica edulcorata e una invece più realistica. Si è scelto di essere realisti ed immaginare cosa avrebbe fatto Lucy, convinta ormai di essere rimasta sola e senza nessuna guerra da combattere se non la propria sopravvivenza davanti a scelte drammatiche.

Uccidere un soldato? Ma chi? Lucy?

Così il fucile ha sparato. Lei che per tutta la prima stagione ha lottato per preservare la storia ha ucciso un uomo nel 1918, un soldato che forse avrebbe avuto una discendenza, dei nipoti, dei personaggi famosi o importanti, oppure degli assassini ma quello che conta davvero è che Lucy sta per diventare la stessa persona che ha scritto il libro in mano a Garcia Flynn.

Emma già ti odiamo fortemente.

Una menzione particolare va alla faccia da C***o di Emma Whitmore, che già dalle prime scene si fa odiare profondamente quasi più di Carol.

I miracoli accadono se viaggi nel tempo

Se l’ambientazione durante la prima guerra mondiale, ci fa uscire dai confini della storia americana offrendoci un quadro più ampio storicamemente, dall’altro si capisce che l’ambito in cui si muoverà questa seconda stagione sarà però molto ristretto e riguarderà proprio la lotta fra Rittenhouse e il time team.

Marie Curie un personaggio quasi forzato nella puntata di Timeless.

Persino Marie Curie, il personaggio storico di questo episodio di Timeless, è relegata ad un ruolo da comprimaria e non si è riusciti a renderla così indispensabile all’interno della trama. Uno di quei nomi messi in cartellone per attirare spettatori ma che nella realtà fa poco o nulla o comunque niente che non avrebbe potuto fare un’anonima infermiera.

Altra scena importante è sicuramente il ricongiungimento fra Wyatt, Rufus e Lucy. Vederli di nuovo insieme è stato per me come una piccolo tuffo al cuore. Timeless sembra una serie anonima, sembra non dare emozioni forti. Non è criptica, non la ami dal primo minuto. Poi però i suoi personaggi ti entrano lentamente nel cuore e ti ritrovi ad ammirare il coraggio di Rufus, uomo di colore alle prese con l’insensatezza storica del razzismo, Wyatt con il cuore devastato che prova a cercare vendetta e Lucy che malgrado tutto tenta di essere forte per tutti anche quando sceglie dolorosamente di fare cose spiacevoli come uccidere o assistere senza reagire alla morte di personaggi famosi solo perché la storia va preservata.

Il Time Team è di nuovo riunito!

Io appartengo alla categoria che ama Timeless, ma cercherò sempre di dare una visione obiettiva di ciò che vedo per rispetto dei miei lettori. Permettetemi però in questa prima recensione di essere più appassionato e meno critico.

Vai a pagina 2 per leggere le conclusioni sull’episodio di Timeless

Michele Li Noce

Nato molti secoli fa, seguo serie TV da quando Xena era una poppante e Kojak aveva tutti i capelli. Mi piace scrivere e condividere con altri questa grande passione per le serie TV.

Vedi tutti gli articoli