Il 18esimo episodio “Supergirl” 3 può sembrare di transizione, ma in realtà mentre lo guardavo non potevo fare a meno di pensare che da questo momento in poi potrebbe cambiare tutto.

Da quando Robert Rovner ci ha rivelato che il rapporto tra Kara e Lena sarebbe stato messo alla prova da una serie di segreti, ho iniziato a pensare che l’idillio amicale tra la giovane Luthor e la figlia di Krypton non avrebbe avuto lunga durata. In realtà sono piacevolmente colpita dalla quantità di tempo passato prima che gli sceneggiatori iniziassero a costruire una storyline del genere. La rivalità tra Superman e Lex Luthor è universalmente conosciuta, ed è stata esplorata in praticamente tutti gli adattamenti della storia di  Superman, pur se con alcune varianti: basta pensare a “Smallville”, in cui due giovani Clark e Lex iniziano la loro storia da migliori amici. Adoro che in “Supergirl” le cose abbiano preso una piega diversa, ma ammetto che una parte di me è sempre stata convinta che prima o poi quella dinamica sarebbe stata replicata anche in questa serie, attraverso i personaggi di Kara e Lena.

Ovviamente non sappiamo se le cose peggioreranno a tal punto, ma quel che è certo è che a partire da quest’episodio le carte in tavola cambiano.

Supergirl non riesce ad essere del tutto ragionevole quando si tratta di kryptonite

Supergirl

Sicuramente ha le sue ragioni per dubitare di chi ne possiede un arsenale segreto, si tratta dell’unica cosa al mondo che può ucciderla; ma obiettivamente se può essere usata per sconfiggere un nemico temibile come Reign, Lena ha fatto un piacere all’umanità riproducendola. Ovviamente, avrebbe potuto gestire la cosa diversamente, confidandosi con Supergirl. Alla fine si riduce tutto a una questione di fiducia: Supergirl deve potersi fidare al 100% della persona in grado di creare una sostanza per lei letale, ed evidentemente ha dei dubbi nei confronti di Lena.

Questo ovviamente ha influito anche sui sentimenti della Luthor. Supergirl non si è fidata di lei, e nel momento in cui ha ritrattato era ormai troppo tardi; Lena ha finto che le cose potessero aggiustarsi, ma quando si ritrova sola con Kara le confessa che non riuscirà più a fidarsi di Supergirl. Lo dice con una decisa nota di disprezzo nella voce, e Kara viene colpita dalla realizzazione di aver compromesso il loro rapporto. Per quanto tempo la ragazza riuscirà a fingere che tutto vada bene, sapendo che l’amica disprezza il suo alter-ego?

Supergirl
Non dimentichiamo che Lena deve ancora scoprire che Kara è Supergirl

Non riesco a vedere una conclusione positiva a questa storia, non nell’immediato. Quando si rompe un equilibrio già delicato in un rapporto è difficile ricostruirlo, e Lena e Kara danno entrambe molto importanza alla fiducia, com’è giusto che sia. Ci sarà una tempesta prima che (si spera) torni il sole.

Andate a pagina 2 per il resto della recensione di “Supergirl” 3×18

Commenti

commenti

Antonella Orlacchio

Vedi tutti gli articoli