mercoledì , 27 Marzo 2019
Home / Altre Serie / The Good Place 3×13 – Recensione episodio “Pandemonium” Finale di Stagione

The Good Place 3×13 – Recensione episodio “Pandemonium” Finale di Stagione

The Good Place 3 è ormai giunto alla sua conclusione, ecco cosa è successo nell’ultimo episodio intitolato Pandemonium

Nel dodicesimo capitolo di The Good Place 3 abbiamo visto Eleanor & co. affrontare l’ennesima sfida con la loro decisione di condurre un nuovo esperimento. Dopo aver sfiorato la parte buona ed essere approdati nell’Interdimensional Hole of Pancakes, viene creato così un nuovo finto posto bello dove l’umanità potrebbe salvarsi, solo nel caso in cui altri quattro umani, arriveranno alle stesse conclusioni di Eleanor, Chidi, Tahani e Jason diventando essenzialmente persone migliori.

In The Good Place 3, Pandemonium abbiamo scoperto che anche questa nuova avventura, in procinto di iniziare, sarà ricca di ostacoli e colpi di scena, ma andiamo con ordine.

Recensione di The Good Place 3×13, Pandemonium

The Good Place 3 | Episodio 13

La missione prestabilita è a rischio già in partenza in quanto viziata sin dal principio. I nuovi personaggi entrati nel finto posto bello, sono stati scelti  appositamente per ostacolare il percorso dei protagonisti, per torturarli nuovamente. Non è un caso la presenza dell’ex di Chidi, Simon. Purtroppo l’amore che avevamo finalmente visto esplodere tra quest’ultimo ed Eleanor sembra essere già al capolinea, perché Chidi – e lo ammette lui stesso – realizza di non essere capace di condurre questa battaglia nella maniera adeguata.

Il coraggioso professore sceglie quindi la strada dell’addio: non un addio vero e proprio alla stessa Eleanor in quanto i due continueranno ad interagire e ad avere a che fare l’uno con l’altro anche se in modo diverso. È un addio ai loro ricordi, al loro amore e al loro splendido passato insieme, costruito attraverso la consapevolezza di saper accettare l’imperfezione.

The Good Place 3 | Episodio 13

Ci troviamo così di fronte ad uno scenario un po’ confuso per una serie comedy: la cancellazione della memoria di Chidi dà vita a sequenze tristi e malinconiche che riempiono lo schermo. Le lacrime scendono davanti a una serie che per tre intere stagioni è stata prevalentemente comica.

Andate a pagina 2 per continuare la lettura della recensione di The Good Place 3, Pandemonium

About Gaia Giovannone

"Mi sento vivo solo se sfilo la stilo e scrivo"

Check Also

The Good Place: Kirby Howell-Baptiste sui suoi nuovi progetti

Da The Good Place a Killing Eve passando per Barry e tanto altro, ecco cosa ha dichiarato Kirby Howell-Baptiste sul suo successo in tv