Home / Altre Serie / Chicago Fire / Chicago Fire 7×13 – Recensione: Ancora una volta la famiglia della 51

Chicago Fire 7×13 – Recensione: Ancora una volta la famiglia della 51

Ogni show di Dick Wolf ha qualcosa di speciale. Ma Chicago Fire è quel gradino sopra gli altri grazie a tutto ciò che sa dare in un solo episodio.

La famiglia della 51 vince ancora una volta. Un nuovo episodio di Chicago Fire mostra tutto ciò che Boden è riuscito a costruire nel corso degli anni e tutto ciò che va protetto, sempre e comunque, con le unghie e con i denti. Soprattutto da un piccolo uomo che non sa accettare un no come risposta.

Chicago Fire

Anche Hermann è protagonista, insieme ad Emily Foster, di questo nuovo episodio di Chicago Fire. E lo fa con la sua sensibilità, con la sua forza, con il coraggio di chiedere scusa. Il bisogno di proteggere la sua famiglia, e la paura di non essere sempre in grado di farlo.

Un ragazzino sfreccia con la macchina proprio dietro il camion di Hermann che cerca di fare il possibile per evitare ciò che accadrà da lì a pochi istanti. L’auto finisce contro un’altra in sosta e le solo parole che riesce a ripetere quel ragazzo in cui Hermann vede suo figlio sono “sto per morire?“.

Chicago Fire

Nonostante la paura, il tenente della 51 porta a termine il suo lavoro. Ma tornare alla normalità, come se nulla fosse accaduto, non è poi così semplice. Hermann vede Lee Henry in quel ragazzo. Vede suo figlio in quell’auto che sta per andare in fiamme, ed è su di lui e Cindy che getta la sua paura. Quella paura che si trasforma in rabbia.

Ma Christopher Hermmann è la colonna portante della 51, della sua famiglia, di chiunque abbia bisogno di lui. E’ stato un padre per Gabby ogni volta che ne ha avuto bisogno, è stato accanto a Matt quando hanno perso Louie. Ha ascoltato Boden e spinto Otis e Mouch a quell’abbraccio che abbiamo vissuto nello scorso episodio di Chicago Fire.

Il tenente ha fatto visita a quel ragazzo al termine di questo episodio di Chicago Fire. Il senso di colpa per quanto successo lo ha divorato in ogni secondo. La verità che anche Hermann conosce è che non è possibile proteggere chi amiamo in ogni momento. Ma possiamo non smettere mai di tentare. Proprio come Christopher Hermann.

Il tredicesimo episodio di Chicago Fire 7 riporta Matt e Kelly in pista. In questi ultimi episodi li abbiamo visti sempre più uniti. Amici, fratelli, coinquilini. Pronti ad aiutarsi in ogni momento. Mancavano i loro momenti insieme, e non possiamo che essere felici di riaverli in Chicago Fire. Infondo, cosa sarebbe Chicago Fire senza Matt Casey, Kelly Severide e quel sigaro tra le mani quando si ha bisogno di parlare, o non parlare.

Ciò non significa che io sia contenta nel vedere una donna che non sia Stella uscire dalla camera da letto di Severide. Per due ragioni fondamentali. Non vorrei ritrovare il vecchio Kelly. Quello che “basta che respirano“. E in secondo luogo, sto ancora aspettando il momento in cui, a questa stupida idea di dividere Stella e Kelly, venga messo un punto.

Qualcuno che rischi di morire, un sogno rivelatore, un viaggio nel futuro o nel passato. Qualsiasi sia il modo, rimettiamo le cose nel giusto ordine. Possiamo avere un grande show anche se Kelly Severide ha una donna accanto per più di due episodi.

Chicago Fire

Andate a pagina due per la seconda parte della recensione di Chicago Fire

About Gabriella Monaco

Check Also

chicago fire

Chicago Fire: Derek Haas e il ritorno di Peter Mills

In seguito alle dichiarazioni di Charlie Barnett, il produttore esecutivo di Chicago Fire, Derek Haas, parla di un possibile ritorno di Peter Mills alla 51

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *