Ora che la quinta si è conclusa, cosa dobbiamo aspettarci dalla sesta stagione di The Blacklist? Ecco dieci cose che vorremmo vedere!

 

 

È ancora presto per formulare qualsiasi teoria sulla prossima stagione di The Blacklist, ma la verità che il produttore esecutivo & co. hanno svelato su Raymond Reddington nel finale di stagione apre diverse strade possibili per la serie. La sesta stagione di The Blacklist, come ben sappiamo, arriverà solo nelle prime settimane del 2019 nell’inedito slot delle 21 del venerdì sera.

The Blacklist
The Blacklist: 10 cose che vorremmo vedere nella sesta stagione

La trama ripartirà, di certo, dall’incredibile rivelazione fatta nel finale di stagione che provocherà un vero e proprio testa a testa infuocato tra Raymond Reddington ed Elizabeth Keen. Ecco una lista delle dieci cose che vorremo vedere nella prossima stagione!

1) Alleanza tra Liz e Jennifer. Questo primo punto è più di una semplice ipotesi: il finale della quinta stagione suggerisce che le due sorellastre si aiuteranno a vicenda per scoprire la verità sul loro padre e sul finto Reddington. Ma siamo davvero sicuri che Jennifer sia solo una semplice ”brava ragazza”?

2) La verità sul finto Raymond Reddington. Se ci sarà una cosa affascinante nella prossima stagione di The Blacklist, sarà vedere come il Red che tutti noi conosciamo e amiamo si rivelerà davvero un impostore. Al di là del varie teoria sul web, chiunque sia quest’uomo deve per forza avere una connessione con Liz. Ecco, speriamo che gli sceneggiatori della serie, dopo ben cinque anni, ci dicano la verità. Tutta la verità, senza alcun bluff.

3) Una Liz oscura. Non so voi, ma la Lizcriminale” è molto più interessante della Liznormale”. È stato eccitante vederla nel corso della quinta stagione in preda alla sua sete di vendetta per la morte di Tom. Tenendo conto che Raymond Reddington non è chi dice di essere, ci aspettiamo una Elizabeth Keen molto più furba.

4) Katarina Rostova. È da anni che aspettiamo la sua entrata a sorpresa, ma alla fine ogni anno restiamo delusi. Sarà la volta buona?

5) Una narrazione più serializzata. Le ultime due stagioni di The Blacklist sono state le migliori, grazie alla presenza di più archi narrativi. Perciò, speriamo che la sesta stagione venga costruita su questo modello narrativo, dando spazio a personaggi secondari, come gli improbabili alleati di Reddington.

Danilo Gargano

Classe 1993, studente di Scienze della comunicazione.

Vedi tutti gli articoli

Iscriviti alla newsletter per tutte le ultime notizie!

Seguici sui social