Le riprese di Game of Thrones sono ufficialmente terminate ed Emilia Clarke ha mantenuto fede a quanto aveva promesso, si è tatuata sulla pelle i suoi figli per portarli sempre con sé.

Emilia Clarke nelle ultime settimane ha postato diversi messaggi sulla fine delle riprese di Game of Thrones, una pagina unica della sua vita non solo professionale. Dopo tanti anni insieme sul set ha stretto rapporti molto forti con il resto del cast, amicizia sincera che hanno già tutti detto di voler continuare a coltivare in futuro. La festa sul palco degli Emmy 2018 in cui hanno vinto come miglior serie drama non sarà l’ultima, ma intanto l’interprete di Daenerys Targaryen ha mantenuto una promessa che aveva fatto mesi fa.

Lo scorso maggio, mentre era ospite presso il Live with Kelly and Ryan, Emilia Clarke aveva preannunciato l’idea di farsi un tatuaggio per celebrare la fine di Game of Thrones:

“Mi dispiace per la mia mamma, ma mi tatuerò un drago proprio qui, sul polso, mentre vola via. Credo sia fantastico, è un po’ un modo di dire addio”.

Emilia Clarke però si è ricordata che la sua Daenerys Targaryen in Game of Thrones è la made non di uno, ma di ben tre draghi e ha voluto sfoggiare con l’orgoglio di qualsiasi altra madre i suoi “figli” Drogon, Rhaegal e Viserion.

Ecco il post su Instagram in cui ha mostrato il nuovo tatuaggio con un grande sorriso:

“Madre dei Draghi per la vita! Dr Woo (il suo tatuatore) si è assicurato che questa mamma non dimenticherà mai i suoi bambini…

Emilia Clarke non è la prima attrice di Game of Thrones a tatuarsi qualcosa al termine delle riprese dello show dato che prima di lei Maisie Williams aveva scelto di incidersi sulla pelle la frase “No One” (Nessuno), mentre Sophie Turner il simbolo della famiglia Stark con la frase “the pack survives” (il branco sopravvive). Il cast di Game of Thrones non è il primo a celebrare il termine di un’avventura cinematografica con un tatuaggio, prima di loro i casi più eclatanti sono quelli degli Avengers e della Compagnia dell’Anello de “Il Signore degli Anelli”, anche se lì tutti scelsero di tatuarsi lo stesso simbolo.

Commenti

commenti

Thomas Cardinali

Giornalista pubblicista appassionato di cinema, serie tv e sport. Dopo aver gestito un blog e aver collaborato con testate nazionali (Romanews.eu, Blogdicultura, FilmUp) ed internazionali (melty.it) ho deciso di dedicarmi al nuovo progetto di Talky per un network indirizzato al pubblico under 30.

Vedi tutti gli articoli