Sapevamo che sulla questione relativa alla serie TV Daredevil e alla sua cancellazione, si sarebbe parlato a lungo. Era una cosa abbastanza scontata e prevedibile. Le cifre del successo mediatico di Daredevil sono così forti da lasciare pochi dubbi sui motivi che hanno portato Netflix ad una decisione davvero impopolare come questa.

Daredevil era ancora una delle serie più ricercate e desiderate.

Stando ai dati pubblicati su Deadline pochi giorni fa, appare chiaro che la fame di Daredevil presso il pubblico era ancora forte e ben posizionata, malgrado la flessione avuta fra la prima e la terza stagione.

Secondo i dati elaborati da Parrots Analytics, Daredevil è infatti posizionata al quarto posto fra le serie in streaming più richieste e ricercate nelle ultime settimane insieme a Narcos, The Chilling adventures of Sabrina e Stranger Things, tutte di Netflix.

I dati fanno riferimento alla settimana del 1 dicembre e incrociano elementi come il numero di ricerche effettuate e i “Like” ottenuti dalle serie in questo arco di tempo o le effettive visualizzazioni ottenute dalle stesse serie nello stesso periodo.

Daredevil 3: Netflix ha finto di essere cieca davanti ai dati?

La serie, cancellata a fine novembre ha ottenuto qualcosa come 30 milioni di richieste, finendo davanti a serie di grande impatto social come Handmaid’s Tale, The Last Kingdom e House of Cards.

Tutto questo per dire che dietro la cancellazione di Daredevil, ci sarebbero le prime, non tanto velate, scaramucce fra Netflix e la piattaforma destinata a dare un grosso filo da torcere a tutta la concorrenza streaming: Disney+.

Disney+: una corazzata dai contenuti e dalle possibilità quasi infinite.

Più facile dire cosa Disney+ non può fare che dire ciò che potenzialmente può. Basti solo dire che per le serie ormai certe e tratte dal Marvel cinematic universe, si affiderà agli attori originali del film e non ad un cast diverso, cosa che lega le serie indissolubilmente con la parte cinematografica con tutto ciò che ne consegue a livello di costi di produzione.

Ma se proviamo anche solo ad immaginare il potere Disney applicato alla serialità allora possiamo spaziare dalle centinaia di serie TV prodotte da ABC, la rete generalista della Disney che vanta titoli di fortissimo impatto come Lost, Once Upon a Time, Castle etc., per poi passare alla Lucas con le già certe serie TV dedicate a Star Wars e senza dimenticare la recente acquisizione dell’impero di Rupert Murdoch che con 21 century Fox controlla anche le piattaforme Sky nel mondo, Italia inclusa.

Daredevil
Pronto un futuro in Disney+ per Daredevil?

Non entriamo nemmeno nell’argomento cinema perché potete ben immaginare su quali forze, la Disney possa contare, anche senza considerare le eventuali licenze internazionali e i diritti acquisiti da altri, che in ogni caso andranno a scadere per tornare in mano a Disney nei prossimi anni.

Daredevil non è come gli altri.

Se la cancellazione di Luke Cage e Iron Fist non hanno, finora, dato il via a dichiarazioni da parte di Disney o di Marvel circa una loro prosecuzione, Daredevil ha invece ampie conferme sul fatto che sarà ancora sfruttato come personaggio nell’universo mediatico di Topolino, avendo un background molto forte e solido come abbiamo potuto vedere dai dati evidenziati da Deadline.

Disney ritirerà presto tutte le licenze relative a film e contenuti presenti su Netflix e a questo punto appare chiaro che la cancellazione di Daredevil è più frutto della ormai imminente guerra dello streaming fra i due colossi che di una reale difficoltà negli ascolti o ai costi produttivi.

Daredevil
Daredevil incatenato dalla logica della concorrenza.

Anche le ultime notizie che danno in trattative la ex presidente di ABC  Channing Dungey, con Netflix, senza scordare lo “scippo” di Shonda Rhimes, la mente geniale dietro a serie TV ABC di successo come Scandal o Grey’s Anatomy, fatto da Netflix in tempi non sospetti, non fanno altro che confermare l’ipotesi che Daredevil è stato tolto ai fans di tutto il mondo per mero calcolo di opportunità e concorrenza.

Restate con Talky Series per essere sempre aggiornati sulle vostre serie TV preferite.

 

 

 

 

Commenti

commenti

Michele Li Noce

Nato molti secoli fa, seguo serie TV da quando Xena era una poppante e Kojak aveva tutti i capelli. Mi piace scrivere e condividere con altri questa grande passione per le serie TV.

Vedi tutti gli articoli